BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN

 

Perché  un Business Plan?

Perché sicuramente conosci la forza del tuo prodotto, ma (ancora) non sei a conoscenza della sostenibilità finanziaria, della convenienza economica e della solidità patrimoniale del tuo progetto.

Perché non basta più essere amico del direttore della filiale della banca per vedersi approvare la richiesta di finanziamento;

Perché se cerchi un investitore privato, sarà la prima richiesta che ti farà: fallire al primo appuntamento non è contemplato;

Perché se vuoi presentare il tuo progetto su una piattaforma di crowdfunding, oltre ad essere un documento necessario, sarà il tuo biglietto da visita.

Perché Noi?

Perché il nostro Studio negli oltre 35 anni di attività ha:

  • maturato uno sguardo chirurgico sulle grandezze aziendali e abbiamo esperienza in molti settori merceologici: industriale, HO.RE.CA, agricolo, vitivinicolo, e-commerce, ecc.;
  • un team composto da numerose professionalità per una garanzia di qualità: commercialisti, agenti finanziari, legali, consulenti del lavoro, esperti in marketing. P.s. avremmo potuto scrivere con un gergo più modaiolo: tax specialists, financial advisors, legal, marketing experts, business specialists, ecc. ma siamo anticonformisti.
  • rapporti costanti con istituti di credito ed investitori di rischio: sappiamo bene cosa vogliono vedere;
  • un approccio sartoriale: non produrremo mai due business plan uguali. Il ciclostile lo facciamo fare ad altri. Capiremo insieme le necessità e per questo faremo un'offerta adeguata di prodotto e di prezzo;
  • competenza in tutta Italia: la distanza fisica non è più un limite da anni : skype, dropbox, ecc. sono il nostro pane;
  • possiamo seguirti anche dopo la fase di start-up, con tutte le pratiche connesse alla costituzione, inizio attività,  consulenza societaria, contabile e fiscale;
  • possiamo accompagnarti da investitori interessati a te

"Ma io so già che ho bisogno di X mila €"

Bene, ma la questione non è questa. Non basta fare la lista della spesa degli investimenti necessari.

Dovresti essere in grado di rispondere, ad esempio, alle seguenti domande:

  • quando e a quanto proporre la way out al tuo investitore?
  • il cash flow operativo è in grado di sostenere gli impegni correnti e l'indebitamento per investimenti?

Perché?

Perché l'imprenditore al tempo del 4.0 non può più permettersi di buttarsi nel mercato solo perché convinto della bontà del proprio prodotto. Questo per una serie di ragioni:
 
  • il reddito pro capite non è tornato ai livelli pre crisi;
  • il mercato dei consumatori è diventato molto selettivo;
  • istituti finanziari e venture capitalists sono altamente selettivi nella scelta dei progetti da sostenere. 

Quindi?

Quindi è necessario un approccio scientifico:
 
Return on Equity (ROE), EBITDA/PFN, Return on Sales (ROS), Return on Investments (ROI), margine di tesoreria, ecc.
 
Queste grandezze sono solo la sintesi di un complesso lavoro che passa per fasi di pianificazione, di elaborazione e solo da ultimo di rendicontazione.
Una banca e/o un investitore analizzano in primis (e non solo) queste grandezze prima di scommettere sul tuo progetto. 
  

Ok ma tutto questo quanto mi costa?

Per tutto quello che abbiamo scritto sopra, la risposta più adeguata è: Dipende, ma mai troppo: il giusto.

Contattaci, discuteremo insieme su cosa servirà e quindi formuleremo una proposta.