MAIOLO TODAY

MAIOLO TODAY

03/06/2019

Ancora incentivi alle start-up: una soluzione per remunerare senza esborsi professionalità altamente qualificate

Ancora incentivi alle start-up: una soluzione per remunerare senza esborsi professionalità altamente qualificate

Lavorare per il capitale: questa la traduzione di un concetto espresso dalla locuzione work for equity che si concretizza nella possibilità riservata alle start-up innovative (ed incubatori certificati), di pagare prestazioni lavorative senza pagamento di una somma di denaro, ma attraverso l’attribuzione al lavoratore/prestatore di azioni, quote o strumenti finanziari partecipativi. Il Legislatore, anche mediante una modifica operata sugli articoli del Codice Civile riferiti alle partecipazioni delle società srl, ha voluto favorire l'accesso delle start-up innovative alle prestazioni professionali altamente qualificate che per natura di queste società alla luce della loro onerosità, potrebbero essere fuori portata in termini di budget.

Segnalando che nel nostro ordinamento ogni remunerazione di lavoro a prescindere dalla sua natura è tassato in capo al percipiente, ecco quindi che il nuovo beneficio riservato ai prestatori di lavoro verso le start-up innovative e incubatori certificati, consiste nella completa detassazione della assegnazione di strumenti partecipativi.

Ciò significa che le somme pagate in tali modalità dalle start-up innovative ai loro dipendenti, amministratori, collaboratori, consulenti, professionisti e in generale, prestatori di opere e servizi (quindi, anche agli imprenditori) non sono per questi imponibili ai fini tributari e previdenziali.

Riportiamo per ultimo due dettagli:

  1.      lavoro dipendente, la retribuzione non può essere costituita solamente dall'incentivo in oggetto poiché al dipendente o collaboratore deve essere sempre riconosciuto un elemento fisso della retribuzione non inferiore al minimo tabellare previsto dal contratto collettivo
  2.      lavoro autonomo: la non imponibilità, sia fiscale, sia previdenziale, per i professionisti, consulenti, prestatori di opere e servizi in generale, delle start-up innovative è prevista anche nel caso in cui l'apporto di opere e servizi consista in un credito scaturito per avere prestato lavoro in favore della start-up innovativa.

Come abbiamo già avuto modo di segnalare, sono sempre maggiori i benefici che potrebbero indurre, in presenza delle dovute condizioni, a ricorrere ad una startup in luogo di una società tradizionale.